Attention please

Attention_Please

Se ci fosse  bisogno della conferma che “drama” non equivale a drammatico nel senso letterale della parola….

Tratto da un manga degli anni ’70 Attention Please è dorama nel solco della più (ormai) classica tradizione giapponese in merito ai prodotti per ragazzi. Amicizia, buoni sentimenti, storie sentimentali appena accennate e la voglia di impegnarsi e “mettercela tutta” per riuscire al meglio nel lavoro (e nello studio). Anche da parte di chi per natura e/o per indole non eccelle.
Non che da noi non ci siano migliaia di prodotti o opere su questo stile, ma nella casistica e nei modi il paese del sol levante è davvero peculiare. Chiunque abbia letto un qualsiasi manga di Adachi lo sa bene.

Misaki Yoko è una ventenne “ribelle”. Tanto carina quanto maschiaccio è la vocalist in una rock band, parlata molto ma molto informale, egocentrica, jeans sdriuciti, capelli arruffati, borchie teschietti e colori assurdi. Decisamente non il prototipo di femminilità che i giapponesi (ma non solo loro) hanno.

Quando il chitarrista della sua band, di cui lei è innamorata, “mette la testa a posto” e va a diventare un “salaryman” in una società di Tokyo, lei, senza troppe aspirazioni o vocazioni, decide di partire alla volta della capitale per provare a diventare un’assistente di volo. In fondo solo perchè, all’aereoporto il chitarrista le aveva detto che gli sarebbe piaciuto vederla con la divisa.
Yoko Scoprirà che un’assistente di volo non deve solo sorridere e servire tè ai passeggeri, ma che ha un ruolo di responsabilità. Scoprirà che l’addestramento è duro e che se non t’impegni non vai da nessuna parte. Ma troverà anche delle amiche, un’insegnate dura ma giusta che crederà in lei. Capirà cosa vuol dire crescere, affrontare gli ostacoli, diventare una donna, assumersi delle responsabilità e sapersi comportare. Ma tutto senza mai perdere la sua spontaneità.

Niente di nuovo sotto il sole quindi. Un  piccolo “romanzo” di formazione per le nuove generazioni (Yoko sembra vestita a stereotipi) e non a caso il theme song è “Oh pretty woman” (più riferito al film con Julia Roberts che al testo originale di Roy Orbison) nella simpatica versione di Kaela Kimura.

Il bello di questa serie è  l’armonia fra la continuity e il singolo episodio (in se autoconclusivo). E la protagonista ovviamente 🙂. E non parlo solo della bellezza di Ueto Aya (a proposito, è ufficiale: sono follemente innamorato), ma della buona caratterizzazione del personaggio, tanto “sfacciata”, sbadata, casinista da essere a tratti insopportabile. Il che, va da se, la rende credibile, quindi per la serie è un punto di forza.

Certo, per apprezzare appieno una serie del genere, bisognerebbe conoscere un po la società nipponica e sapere, ad esempio, quanto sia mal visto l’egocentrismo, vezzo concesso solo, giocoforza, alle star. Tuttavia la serie si srotola tranquillamente per 11 episodi senza particolari colpi di scena inaspettati ma senza nemmeno annoiare lo spettatore, anche se più attempato rispetto al target di riferimento. Risulta anzi decisamente gradevole da seguire, anche per il suo essere poco impegnativa.

Notevole anche il dispendio nella realizzazione: molti esterni, scene girate in veri hangar, o in vere cabine di pilotaggio, addirittura in Australia (almeno nello speciale). Per essere una serie senza troppe pretese non mi pare poco. Ma forse siamo noi che siamo abituati male, almeno con i prodotti di casa nostra.

Japan Air immagino abbia collaborato più che attivamente visto che tutto il drama è un’enorme spottone.

Per info tecniche rimando alla pagina Wikipedia 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...