Thrashin’ corsa al massacro

thrashin corsa al massacroPer molti di quelli che come me erano (o almeno tentavano di essere) skater verso la fine degli anni ’80, sono 3 i capisaldi cinematografici fondamentali, i film che c’hanno inculcato (o c’hanno rinsaldato)  la passione per la tavola a rotelle: Scuola di Polizia 4, California Skate e Thrashin’ – Corsa al massacro.

Non credo parlerò mai in questo blog del primo di questi film, non per snobismo (vi pare?), ma è difficile che riesca ad avere il tempo per rivedermi (e poi per scrivere di) Scuola di Polizia 4. Posso dirvi subito però che grazie alla partecipazione di un certo Tony Hawk, di un tale Mike McGill, e di buona parte della “brigata delle ossa“, rientra a pieno titolo nel novero dei film di formazione dei giovani skaters di provincia.
Del secondo invece ho già scritto qui.
E’ giusto quindi ora occuparsi del terzo titolo: Thrashin’ corsa al massacro.
Che poi, in ordine cronologico, è il primo.
A scanso di equivoci premetto subito che lo skateboarding è una scusa. Se ci fosse stata la BMX, il surf, il calcio, il Rally, sarebbe stata la medesima cosa. I produttori hanno voluto puntare sulla moda giovanilistica del momento, ed all’epoca lo skate faceva tendenza.
La trama è presto detta: una gruppo di ragazzi dell’Indiana appassionati di skate va in California per partecipare ad una gara, la corsa al massacro del titolo. Qui si scontrerà con una banda locale di teppistelli/punk la “banda dei coltelli”. La rivalità aumenta anche a causa del fatto che il leader dei ragazzi dell’Indiana s’innamora della sorella del leader della banda dei coltelli. Il culmine degli scontri si avrà durante la competizione.
Originale eh?
Come potete facilmente immaginare, si tratta di un filmetto senza nessun tipo di pretesa se non quella di sfruttare una moda del momento.
Tuttavia, almeno qualcuno di voi potrà ben capire come la vita dei protagonisti, quel vagabondare per L.A. in skate, le tavole, i colori, le grafiche, le musiche, erano tutto il corollario di un’ideale way of life dello skater di provincia. E non potevano non farci sognare.

Interessante il cast: una giovanissima Sherilyn Fenn (l’ho sempre adorata) ed un baldanzoso alle prime armi, Josh Brolin, reduce dal successo de I Goonies.
Gli altri due degni di menzione sono tale Tony Alva e Per Welinder, nomi che magari ai più non diranno nulla, ma per chi si è cimentato con lo skateboarding tra la seconda metà degli anni ’80 e primissimi anni dei ’90 sono delle icone.

Menzione particolare: la partecipazione dei Red Hot Chili Peppers

vi lascio con il trailer originale del film.

THRASHIN’ CORSA AL MASSACRO

Titolo originale: Thrashin’
Regia di: David Winters
Scritto da: Paul Brown, Alan Sacks
Genere: Sportivo, Drammatico,
Anno: 1986
Paese: USA
Produzione: Winters Hollywood Entertainment Holdings Corporation
Durata: 92 minuti
Musica: Barry Goldberg
Cast: Josh Brolin, Robert Rusler, Pamela Gidley, Tony Alva, Sherilyn Fenn, Per Welinder

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...